Ultime notizie
Home » Editoriali » ESCLUSIVA, intervista a Margiotta: “Confermo, i cinesi stanno trattando per comprare la Fiorentina”

ESCLUSIVA, intervista a Margiotta: “Confermo, i cinesi stanno trattando per comprare la Fiorentina”

Enzo Margiotta Fiorentina

Il giornalista Enzo Margiotta

Oggi abbiamo incontrato in esclusiva per  fiorentinacalcio.net e calcio-mercato.org Enzo Margiotta, giornalista vicino al Mondo Inter che lavora in radio, oltre ad essere direttore del sito Interdipendenza.net

Ciao Enzo, innanzitutto come stai?

Bene, grazie Giancarlo, e tu?

Tutto bene anch’io. Ti abbiamo contattato perchè nel recente passato avevi già parlato di una trattativa segreta tra i Della Valle ed un imprenditore cinese per acquistare la Fiorentina. Confermi ancora la notizia?

Certo Giancarlo. I Della Valle già da un pò di tempo avevano dato mandato ad una banca svizzera di valutare l’esistenza di eventuali partner o acquirenti del prodotto Fiorentina nel Mondo. E circa 2 mesi fa tale banca ha proposto questo gruppo cinese, che mi dicono essere fortissimo economicamente, anche se non al livello di Suning.

Ma l’intenzione è davvero quella di comprare la Fiorentina?

A quanto mi risulta sì, ma di certo quando si tratta di un’operazione così importante a livello strategico ed economico serve del tempo, non si chiuderà di certo a breve. I cinesi stanno ancora valutando tutta la documentazione, ma sono soddisfatti per quanto riguarda i bilanci ed il discorso stadio.

Puoi dirci qualcosa in più?

Bè diciamo che la presentazione del progetto stadio ed il ritorno di Giancarlo Antognoni sono 2 novità che hanno contribuito a far avvicinare i cinesi alla Fiorentina. Come accade con Zanetti all’Inter, loro ci tengono a conservare l’italianità del prodotto, sia a livello di Società che di squadra (l’Inter sta puntando su giovani italiani).

Sei a conoscenza del nome del gruppo che vuole effettuare quest’operazione?

E’ sufficiente guardare la situazione del Milan per capire che quando si parla di cinesi, Suning a parte appunto, è impossibile identificare con certezza, per noi come stampa, di chi si tratti prima dell’effettivo passaggio di proprietà. Posso però dirvi con ragionevole sicurezza che sono gli stessi che volevano comprare il Palermo lo scorso Settembre. Ma da un’attenta analisi del prodotto, i cinesi si tirarono indietro, perchè sia la loro storia calcistica che l’impossibilità di costruire uno stadio in quella città rendevano molto meno appetibile la Società di Zamparini.

Permettici Enzo di essere un pochino scettici, perchè di voci sulla cessione dei Della Valle all’Estero a Firenze ne escono fuori in continuazione, ma poi senza mai un seguito.

Ti capisco Giancarlo, ma io mi fido della mia fonte e ci sono diversi altri aspetti che mi aiutano a pensare che la mia tesi sia valida.

Prego…….

I cinesi in questione so che hanno chiesto dei bilanci perfetti per iniziare da 0 i propri investimenti e se ci pensi i Della Valle continuano a non spendere ed a chiudere le sessioni di calciomercato in attivo, anche evidente. Ed anche i contatti che, seppur indiretti ci son stati per l’affare Kalinic, ricordano quelli esplorativi per la cessione di Guarin in Cina proprio alla squadra di Suning (6-7 mesi prima dell’acquisto di tutta l’Inter da parte degli stessi imprenditori cinesi), ma anche lì poi li giocatore rifiutò il trasferimento. I Della Valle è da un pò che hanno contatti con la Cina, e non solo per le loro attività commerciali.

Escludi una “semplice” partnership tra i Della Valle ed i cinesi, magari per il progetto stadio e cittadella?

Non escludo che possano lasciare la presidenza ed una quota ai Della Valle, ma escludo che possano entrare con una quota di minoranza, questo sì. Il loro modus operandi è entrare a maggioranza, prendere piano piano piede nelle nuove dinamiche appoggiandosi su chi già c’era, per poi in 2-3 anni rilevare il 100% di tutto.

Un’ultima domanda, qual è la valutazione che i cinesi fanno della Fiorentina?

Circa 230 milioni di euro, diciamo forse 50 milioni in più del suo reale valore, ma che per soggetti del genere non rappresentano un grandissimo problema, a patto di avere la garanzia di bilanci sanissimi e di un brand capace di accogliere per la bellezza della città e le opportunità di investimento che offre (stadio e cittadella ad esempio).

Ringraziamo Enzo Margiotta per le sue indiscrezioni e con lui ci risentiremo presto se ci saranno novità in tal senso.

Assolutamente sì Giancarlo, a presto.

Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento!

Inserisci un commento