Ultime notizie
Home » Editoriali » Milan-Fiorentina: 2-1 commento e pagelle

Milan-Fiorentina: 2-1 commento e pagelle

Chiesa-Fiorentina

Federico Chiesa

Vince il Milan 2-1 al termine di una gara che ha visto un primo tempo equilibrato come gioco, ma con i rossoneri superiori come occasioni da goal, ed una seconda frazione totalmente in mano alla Fiorentina che però è riuscita a creare una sola limpida occasione da goal con Sanchez, subendone una altrettanta pericolosa in contropiede nel finale con Abate.

Insomma il risultato più giusto sarebbe stato il pareggio, con il Milan che ha creato qualcosina in più ma che nel complesso come controllo del gioco è stato di molto inferiore alla Fiorentina, ma di certo il risultato finale di 2-1 non è uno scandalo.

Molte le decisioni cervelottiche di Sousa questa sera, sia nell’undici iniziale che nella scelta dei cambi (anche se la folle decisione di togliere Chiesa dal campo, uno dei migliori, è stata poi spiegata da un problema fisico che aveva il ragazzo), ma anche nella partita di oggi si è visto chiaramente come tutti gli acquisti estivi di Corvino, non mi riferisco a quelli di Gennaio, si siano dimostrati un totale fallimento nel presente. Magari qualche giovane esploderà senz’altro in futuro, ma per questa stagione il Corvo non ha portato un solo titolare capace di garantire prestazioni sufficienti. La rosa poi abbonda in alcuni ruoli ed è invece sguarnita in altri (abbiamo ad esempio 4 portieri e 5 centrocampisti centrali per un modulo che ne prevede solo 2, e solo 3 esterni d’attacco e nessun terzino destro, non sorprendiamoci quindi poi se i centrocampisti centrali si ritrovano a fare anche i terzini destri o gli esterni di centrocampo come nel caso di Cristoforo).

Chiosa con la moviola: il primo goal del Milan nasce da una punizione inventata, il momentaneo pareggio viola da una posizione di fuorigioco di Chiesa, mentre ad inizio ripresa il mancato rosso a Gustavo Gomez per fallo su Kalinic mi trova, pur essendo tifoso viola, piuttosto d’accordo. Kalinic magari avrebbe anche segnato, chi lo sa, ma non si può definire, a mio parere, una chiara occasione da goal una situazione in cui il calciatore che subisce il fallo non è in possesso del pallone, a meno di scenari e dinamiche evidenti e non mi sembra questo il caso.

Pagelle

Tatarusanu 6,5: 2 buoni interventi nel corso della gara ed incolpevole sui 2 goal subiti.

Sanchez 5+: varie volte fuori posizione in un ruolo che ancora fatica a vedere come suo. Si mangia il goal del pareggio nella ripresa.

Gonzalo Rodriguez 6: la mancata uscita su Deulofeu agevola in maniera forse decisiva il goal partita, ma per il resto della gara non demerita affatto.

Astori 5++: il goal di Kucka ce l’ha completamente sulla coscienza.

Salcedo 5++: per lui che è un centrale di piede destro, che fatica già a fare il terzino destro, giocare come terzino sinistro, che nel modulo di Sousa deve essere un vero fluidificante, è molto complicato. Alterna cose buone ad altre meno buone in fase difensiva, dove comunque alla fine dei conti tiene a bada Suso, mentre in fase offensiva non va ma è anche comprensibile.

Borja Valero 5,5: perde una palla sanguinosa su una ripartenza nel primo tempo e da lì nasce il goal partita del Milan. Senza quel grave errore la sua prova sarebbe stata senza dubbio sufficiente.

Vecino 5,5: oggi anche lui offre una prova piuttosto evanescente.

Chiesa 6,5: altra buona gara del ragazzino viola.

Ilicic 5: impalpabile.

Cristoforo 5: che giochi anche oggi fuori ruolo è verissimo, ma il suo apporto alla partita è davvero inesistente.

Kalinic 7-: anche oggi solo contro la difesa prima a 4 e poi addirittura a 5 del Milan. Segna un goal da rapace d’area e provoca il cartellino arancione di Gustavo Gomez, al quale fa sudare 7 camicie per 90 minuti.

Tello n.g.

Badelj n.g.

Saponara n.g.

Paulo Sousa 5-: le scusanti sulla qualità della rosa e le fatiche di Coppa ci sono, ma oggi ci mette anche molto del suo in questa sconfitta.

Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento!

Inserisci un commento