Ultime notizie
Home » Rubriche » Serie A: la classifica reale della Fiorentina senza errori arbitrali

Serie A: la classifica reale della Fiorentina senza errori arbitrali

torti arbitrali

errori arbitrali

1′ giornata: Juventus-Fiorentina (nell’azione del goal partita di Higuain c’è un fuorigioco millimetrico di Alex Sandro, che avrebbe dovuto portare all’annullamento della rete. Tuttavia i 2 mezzi rigori richiesti e non concessi alla Juve, la mano di Astori in avvio di gara e l’intervento di Gonzalo Rodriguez su Dybala ad inizio ripresa, sembrano poter riequilibrare la situazione).

2′ giornata: Fiorentina-Chievo (nulla di particolare da segnalare).

3′ giornata: Genoa-Fiorentina (nulla di decisivo da segnalare).

4′ giornata: Fiorentina-Roma (+3, manca a termini di regolamento alla Roma un rigore per intervento di Tomovic su Dzeko nel primo tempo, ma c’è da dire che rigori del genere nella pratica non vengono quasi mai fischiati, perchè altrimenti ce ne dovrebbero essere almeno 4-5 a gara. Il goal partita di Badelj è viziato da un fuorigioco di Kalinic che la squadra arbitrale reputa passivo, ma che molto probabilmente invece era attivo. Quindi per una volta su 1000, incredibile ma vero, abbiamo rubato una partita, che si sarebbe potuta perdere nel caso di un Rizzoli perfetto).

5′ giornata: Udinese-Fiorentina (-2, entrambi i goal dell’Udinese nascono da 2 palloni usciti in fallo laterale e non rilevati dall’arbitro Mazzoleni. Assolutamente non degli errori in malafede, ma che ovviamente falsano completamente la partita).

6′ giornata: Fiorentina-Milan (manca un rigore alla Fiorentina per intervento su Kalinic, ma il penalty viene concesso pochi minuti dopo per fallo su Borja Valero ed Ilicic lo sbaglia. Nel finale, al 93′ per la precisione, Tomovic andava espulso per fallo da ultimo uomo, ma l’intervento avviene fuori area, quindi non falsa la gara considerando appunto che pochi secondi dopo l’arbitro fischia la fine della partita).

7′ giornata: Torino-Fiorentina (-3, sullo 0-0 c’è un fallo netto di Rossettini su Kalinic in area di rigore granata che falsa tutta la partita. Per caratteristiche andare in vantaggio e non in svantaggio con il Toro, avrebbe messo in grossa difficoltà la squadra di Mihajlovic che si esalta proprio quando può giocare in contropiede. Per inciso il primo goal granata nasce da un netto tocco di mano di Iago Falque, da capire quanto volontario. Al 51% comunque il goal sarebbe stato da annullare, ma resta una scelta obiettivamente difficile).

8′ giornata: Fiorentina-Atalanta (a circa un quarto d’ora dalla fine manca il secondo cartellino giallo a Dramè che andava espulso. La brutta partita della Viola nell’occasione, rende l’errore arbitrale forse meno grave del previsto).

9′ giornata: Cagliari-Fiorentina (giusto convalidare il primo goal viola, con Kalinic in posizione regolare. Per il resto partita tranquilla per l’arbitro Russo).

10′ giornata: Fiorentina-Crotone (-2, il primo tempo si gioca, anche dopo la sospensione, su un campo impraticabile che favorisce il goal del Crotone. Nella ripresa su un campo accettabile mancano 2 rigori netti alla Fiorentina, il secondo in particolare nel finale, già sul risultato di 1-1, con un fallo clamoroso di Claiton in ritardo su Kalinic, non ravvisato da Gavillucci. A quel punto sarebbe stata vittoria).

11′ giornata: Bologna-Fiorentina (giusto il rigore e l’espulsione per fallo intenzionale da ultimo uomo di Gastaldello su Kalinic, che stava per andare in rete).

12′ giornata: Fiorentina-Sampdoria (rischia il secondo giallo Gonzalo Rodriguez).

13′ giornata: Empoli-Fiorentina (Tomovic ammonito a fine primo tempo avrebbe meritato il rosso per fallo da ultimo uomo su Maccarone, ma l’azione era viziata da un fallo di mano evidente dello stesso Big Mac, quindi l’Empoli alla fine non può recriminare nulla di nulla. Giusto il rigore concesso ai viola).

14′ giornata: Inter-Fiorentina (-1, partita totalmente falsata dall’arbitro Damato e non è la prima volta in Inter-Fiorentina purtroppo. Nel primo tempo manca un rigore alla Fiorentina per pedata evidentissima di Miranda su Gonzalo Rodriguez, poco dopo l’espulsione di Gonzalo Rodriguez, che frena la rimonta viola, è ingiusta, il giallo sarebbe stato sufficiente. Risultato di 3-2: la Fiorentina attacca, Ranocchia stende Chiesa al limite dell’area di rigore nerazzurra e di colpo dalla possibile palla del 3-3 (Ilicic da lì è molto pericoloso), si passa al 4-2 per la squadra di Pioli, perchè Damato incredibilmente non fischia il fallo e sul contropiede successivo l’Inter fa 4-2).

15′ giornata: Fiorentina-Palermo (+2, la differenza tra Damato e Giacomelli è evidente, l’arbitro di Fiorentina-Palermo infatti sbaglia come se non di più del precedente, ma da ambo le parti, segno di incompetenza ma anche di buonafede. Ad inizio gara su Quaison manca un rigore ed anche la conseguente espulsione di Tomovic. Poi vengono annullati 2 goal regolarissimi alla Viola. Alla Fiorentina, sempre nel primo tempo, manca anche un rigore per spinta a 2 mani di Nestorovski su Astori, ma nell’azione del goal partita di Babacar, nel finale, c’è un spintarella di Kalinc su un difensore del Palermo. Alla fine gli errori sono più contro la Fiorentina, ma il primo contro il Palermo è il più decisivo, perchè avrebbe cambiato tutta la gara fin dall’inizio).

16′ giornata: Fiorentina-Sassuolo (Fabbri sbaglia molto ma non influenza assolutamente il risultato della partita).

Bilancio Totale: -3, la Fiorentina ha attualmente 26 punti in classifica, ma oggi ne avrebbe avuti 29 senza errori arbitrali pro e contro.

Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento!

Inserisci un commento