Ultime notizie
Home » Editoriali » Coppa Italia al Napoli ma grande Fiorentina nonostanti tutti i big fossero fuori. E se Montella….

Coppa Italia al Napoli ma grande Fiorentina nonostanti tutti i big fossero fuori. E se Montella….

Giancarlo Sali Diego Della Valle

Giancarlo Sali con Diego Della Valle nel pre partita

Una partita seguita in tribuna autorità (nella foto mentre scherzo con Diego Della Valle nel pre partita), a fianco di gente come i fratelli Della Valle, Matteo Renzi, attori famosi delle due tifoserie e dirigenti di calcio di primo piano. Una bella esperienza ma anche condita da tanti brutti episodi.

In strada alcuni tifosi del Napoli che uscivano da una macchina con delle spranghe per minacciare i tifosi della Fiorentina sul pullman, poi arrivato allo stadio non si sapeva se la partita si sarebbe giocata o meno, per incidenti sembra tra un tifoso della Roma che ha sparato a quelli del Napoli (un tifoso del Napoli e quello della Roma sono in condizioni critiche) e poi infine l’ok per giocarla pare sia arrivato addirittura dal capo ultrà della tifoseria azzurra (può decidere un ultrà se una finale si gioca o meno?). I tifosi del Napoli che fischiano l’inno d’Italia cantato da Alessandra Amoroso. Poi anche tante cose belle, tifosi della Fiorentina e del Napoli che in tribuna facevano il tifo insieme, con passione ma anche rispettandosi a vicenda…conosciute tante persone in gamba, ed infine una partita emozionante, in bilico fino all’ultimo nonostante alla Fiorentina mancassero tutti i giocatori più forti. Complimenti al Napoli per la Coppa vinta in maniera meritata, ma probabilmente senza quell’errore clamoroso di Ilicic nel finale, avremmo alzato noi la Coppa (a quel punto sarebbe stato 2-2, con la Fiorentina con un uomo in più per tutti i tempi supplementari).

Unico rammarico? Montella resta un grandissimo allenatore, nonostante la giovane età, uno dei pochi capaci di far giocare le squadre bene nonostante qualsiasi assenza (forse anche il Real Madrid sarebbe andato in crisi senza Cuadrado, Mario Gomez, Giuseppe Rossi, e con Mati Fernandez e Borja Valero acciaccati), ma oggi resta l’interrogativo di come sarebbe andata se il tecnico gigliato non avesse lasciato la squadra senza una punta di ruolo per 72 minuti e mezzo di gioco. Matri inserito solo a 5 minuti dal termine, ha in pochi minuti regalato ad Ilicic la palla facilissima del 2-2 che lo sloveno ha incredibilmente fallito (un errore che vale una stagione, alla fine di una partita fin lì giocata anche molto bene dall’ex giocatore del Palermo), e poi si è costruito un’altra nitida occasione. Ok è stata una stagione negativa per l’ex bomber della Juventus, ma in un finale in cui non hai Rossi e Gomez, e stai perdendo dal 10′ minuto di gioco, perchè lo schieri solo negli ultimi 5 minuti di partita?

Dal campo rimane l’impressione netta che Gonzalo Rodriguez sia il giocatore con maggiore personalità nella Fiorentina, che Tomovic da esterno non sia un giocatore di Serie A (addirittura Gonzalo a fare l’esterno destro e le sovrapposizioni al suo posto nei minuti di recupero per ovviare alla pochezza dell’ex giocatore del Lecce), un Borja Valero che ha dato tutto nonostante qualcosa abbia sbagliato, un Pizarro che non dimostra assolutamente le quasi 35 primavere, ed una bellissima notizia per tutto il calcio italiano: Pepito Rossi che torna in campo per 20 minuti dopo 4 mesi di stop, superato l’ennesimo infortunio al ginocchio.

Ps ma il goal annullato ad Aquilani alla fine del primo tempo (sarebbe stata la rete del momentaneo 2-2) era regolare? Dallo stadio non siamo riusciti a capire….

Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento!

Inserisci un commento