Ilicic

Ilicic

Con l’ultima partita dell’anno è giusto fare un bilancio sulla Fiorentina: con 75 punti collezionati nell’anno solare siamo stati secondi solo alla Juventus (che ne ha fatti 81), segno che la Viola è ormai una realtà consolidata da diversi anni ai vertici del calcio italiano. Il Campionato in essere poi sta andando alla grande, con 11 partite vinte fin qui su 17 disputate, andiamo alle festività con il secondo posto in classifica alla pari del Napoli, con il miglior attacco della Serie A e la 4′ miglior difesa alla pari del Sassuolo (che ha giocato però una partita in meno di noi). Davanti a questi numeri trovo soltanto buffo, se non addirittura ridicolo, leggere ancora i giudizi a senso unico di qualcuno che vive nell’odio e per la critica. Di errori ne hanno fatti tutti (la rosa consegnata a Sousa il 31 Agosto è senza dubbio incompleta, il tecnico portoghese ed i giocatori hanno sulla coscienza l’eliminazione clamorosa dalla competizione dove era più facile arrivare fino in fondo, la Coppa Italia), ma non riconoscere che ad oggi la proporzione tra meriti è demeriti è di 10-1 nella Fiorentina, significa capirne davvero poco di questo sport, considerando che continuiamo a giocarcela alla pari con tutte, nonostante le entrate economiche delle altre big che sono il triplo delle nostre.

Tanti gli interpreti superlativi di questa prima parte di stagione, ma voglio sottolinearne 3 in particolare: Kalinic, Bernardeschi ed Ilicic, fin qui mattatori assoluti.

Ora un buon calciomercato che corregga le sviste dello scorso Agosto, per provare a lottare a questi livelli fino alla fine della stagione, considerando che almeno 5 squadre (Inter, Fiorentina, Napoli, Juventus e Roma) sono ad oggi raggruppate in pochissimi punti, e che quindi il Campionato resta incertissimo.

Oggi Chievo irriconoscibile, e dominio assoluto della Fiorentina, che chiude la partita nel primo tempo e la controlla senza alcun patema nella ripresa.

Fiorentina 2-0 Chievo 20′ Kalinic, 32′ Ilicic

Pagelle

TATARUSANU 6-: serata di riposo totale, mai veramente impegnato, seppur non dia la sensazione di sicurezza, come al solito, nelle uscite e sui rinvii di piede.

RONCAGLIA 6,5: ordinato ed efficace.

GONZALO RODRIGUEZ 6,5: dirige la difesa senza problemi.

ASTORI 6+: poca fatica.

BERNARDESCHI 7: è come al solito uno dei più decisivi del primo tempo.

BADELJ 6,5: il consueto lavoro utile in entrambe le fasi.

VECINO 6: appare non lucidissimo, specie nella prima frazione, ma la sua è una gara senz’altro sufficiente.

ALONSO 6,5: un pò egosita in avvio, diventa però nel corso della partita l’assoluto protagonista della fascia sinistra della Fiorentina.

BORJA VALERO 6-: il meno bravo del primo tempo tra i viola, meglio nella ripresa. Sufficienza stiracchiata, ma ci sta ogni tanto.

ILICIC 7: in questa stagione è tornato l’Ilicic bel giocatore che conoscevamo tutti.

KALINIC 7-: sbaglierà anche qualcosa sotto porta, ma a va segno con una puntualità disarmante e lavora pressando tutti per 90 minuti.

MATIAS FERNANDEZ 6: il secondo tempo è solo un countdown per le ferie natalizie.

MARIO SUAREZ n.g.

PAULO SOUSA 7: conferma ancora una volta che ha scelto 15-16 giocatori e che gi altri dovranno essere sostituiti nel mercato di Gennaio. Vittoria molto tranquilla, da grande squadra.

Editoriale che ho scritto per la testata giornalistica internazionale Blasting News e che potete trovare anche a quest’altro indirizzo Internet:

http://it.blastingnews.com/calcio/2015/12/fiorentina-chievo-2-0-commento-e-pagelle-00703691.html