Ultime notizie
Home » Editoriali » Fiorentina: terminato il ritiro di Moena, ecco le impressioni che ci ha lasciato

Fiorentina: terminato il ritiro di Moena, ecco le impressioni che ci ha lasciato

Sousa_Fiorentina

Paulo Sousa

Terminate le 2 settimane di ritiro a Moena, la Fata delle Dolomiti, a tifosi, addetti ai lavori, Sousa e Società sono arrivati, tra gli altri, i seguenti messaggi:

  1. Pepito Rossi è il giocatore più forte della Fiorentina. Va tenuto, il prima possibile gli va rinnovato il contratto in scadenza, perchè tra l’altro perderlo ora o tra un anno, gratis o quasi, sarebbe sciocco. E’ giusto dargli l’ultima chance della sua carriera: un altro infortunio serio, ormai a 29 anni, chiuderebbe definitivamente la sua carriera. Ma con lui in campo per tutta l’annata invece, la Fiorentina potrebbe dire la sua anche nella prossima stagione.
  2. La Fiorentina ha deciso di puntare tanto su ragazzi molto giovani, a costo di perdere qualcosa come competitività nel presente, e tra questi per qualità spiccano senza dubbio Hagi e Chiesa, per il futuro.
  3. Sempre tra i giovani, non sono apparsi ancora da Fiorentina Lezzerini (molto incerto nei movimenti e negli interventi in almeno 2 delle 4 amichevoli) e Bagadur. Da capire se per una questione di maturazione, o se invece a 21 anni ormai la forza dei calciatori è già individuabile per lo più.
  4. In attacco, dove regna tanta abbondanza, continuano ad arrivare nuovi elementi dal mercato. Questo significa che Sousa, al di là del modulo che sceglierà, schiererà sempre una Fiorentina con molti uomini offensivi contemporaneamente in campo.
  5. Zarate è immarcabile, se imparasse a 29 anni a passare il pallone, con lui e Pepito ne vedremmo davvero delle belle.
  6. L’attuale difesa necessita di almeno 2 innesti di primo piano per poter competere ad alti livelli.

Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento!

Inserisci un commento